domenica 27 maggio 2018

Tassazione equa: la Commissione propone misure tecniche definitive per realizzare un futuro sistema dell'IVA nell'UE a prova di frode | Italia

L'odierno pacchetto di misure modifica in modo sostanziale le norme in materia di IVA e dovrebbe agevolare l'operato delle imprese in tutta l'UE, poiché mette termine a 25 anni di regime “transitorio” IVA nel mercato unico. Nello scorso ottobre la Commissione ha proposto i principi fondamentali per la creazione di uno spazio unico europeo dell'IVA che contribuisca a ridurre drasticamente i 50 miliardi di euro di frode che attualmente gravano ogni anno sui bilanci nazionali degli Stati membri dell'UE. Con queste misure tecniche, la Commissione auspica che gli Stati membri avvieranno la discussione relativa ai più ampi principi o “pilastri” di un sistema definitivo dell'IVA nell'UE più semplice e resiliente per gli scambi di beni all'interno dell'Unione.(...)
Di norma il venditore è responsabile per la riscossione dell'IVA
L'annuncio di oggi chiarisce che spetta al venditore applicare l'IVA dovuta su una vendita di beni a un acquirente stabilito in un altro Stato membro, all'aliquota di quest'ultimo paese. L'acquirente dei beni sarà soggetto all'IVA solo nel caso in cui sia un soggetto passivo certificato (ossia un contribuente affidabile, riconosciuto in quanto tale dall'amministrazione tributaria).(...)


Nessun commento:

EUVideoUE

WebRadioScout Player