giovedì 22 ottobre 2020

Proroga ed estensione del quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato

 
La Commissione europea ha deciso di prorogare e ampliare la portata del quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato adottato il 19 marzo 2020 per sostenere l'economia durante la pandemia di coronavirus. 
Il quadro temporaneo è prorogato per sei mesi fino al 30 giugno 2021 in tutte le sue parti e la parte finalizzata a consentire misure di ricapitalizzazione è prorogata per altri tre mesi, fino al 30 settembre 2021.(...) 

Commissione europea: prima emissione di obbligazioni sociali SURE dell'UE

Johannes Hahn © EU
21/10/2020 - Covid-19 / Economy and the euro / Employment and social rights

The European Commission issued a €17 billion inaugural social bond under the EU SURE instrument to help protect jobs and keep people in work. The issuing consisted of two bonds, with €10 billion due for repayment in October 2030 and €7 billion due for repayment in 2040.

  • Questions and Answers
  • Technical press release
  • Social Bond Framework
  • SURE website
  • EU as a borrower website 
  • Collegamento al testo in Italiano ( La Commissione europea ha emesso la prima obbligazione sociale da 17 miliardi di € a titolo dello strumento SURE dell'UE per contribuire a proteggere i posti di lavoro e conservare l'occupazione. L'emissione comprende due obbligazioni, una da 10 miliardi di € con scadenza nell'ottobre 2030 e una da 7 miliardi di € con scadenza nel 2040. Gli investitori hanno mostrato forte interesse per questo strumento dal rating elevato: la domanda ha superato di 13 volte l'offerta disponibile e si è tradotta in condizioni di prezzo favorevoli per entrambe le obbligazioni. (...) I fondi raccolti saranno trasferiti agli Stati membri beneficiari sotto forma di prestiti che contribuiranno alla copertura dei costi direttamente connessi al finanziamento dei regimi nazionali di riduzione dell'orario lavorativo e delle misure analoghe adottate in risposta alla pandemia. In tale contesto, la Commissione ha annunciato all'inizio del mese che avrebbe emesso obbligazioni sociali per l'intero importo delle obbligazioni SURE dell'UE, che può arrivare fino a 100 miliardi di €, e ha adottato un quadro per le obbligazioni sociali valutato da un organismo indipendente. (...))

Restrizioni di viaggio: Il Consiglio riesamina l'elenco dei paesi terzi per i quali dovrebbero essere revocate le restrizioni - Consilium

 
A seguito del riesame previsto dalla raccomandazione relativa alla revoca graduale della restrizione temporanea dei viaggi non essenziali verso l'UE, il Consiglio ha aggiornato l'elenco dei paesi per i quali dovrebbero essere revocate le restrizioni di viaggio. Come stabilito nella raccomandazione del Consiglio, tale elenco continuerà a essere riesaminato periodicamente e, se del caso, aggiornato.

Sulla base dei criteri e delle condizioni stabiliti nella raccomandazione, a partire dal 22 ottobre gli Stati membri dovrebbero revocare gradualmente le restrizioni di viaggio alle frontiere esterne per le persone residenti nei seguenti paesi terzi: (...)

 
 

Eradicating human trafficking

Eradicating human trafficking

Taking stock of measures taken since 2017, the report highlights recent trends in human trafficking, the particular complexities in the context of the coronavirus pandemic, and remaining challenges that the EU and Member States must address as a matter of priority. (...)

Nuova relazione sullo stato della natura

 
La Commissione europea ha pubblicato oggi la sua ultima valutazione dello stato della natura nell'Unione europea, che offre una panoramica completa della situazione in cui versano le specie e gli habitat europei più vulnerabili tutelati dalla legislazione dell'UE in materia di protezione della natura. 

Le specie e gli habitat protetti sono in costante declino, principalmente a causa dell'agricoltura intensiva, dell'urbanizzazione, delle attività forestali non sostenibili e dei cambiamenti negli habitat di acqua dolce. L'inquinamento dell'aria, delle acque e del suolo è un altro fattore che incide sugli habitat, insieme ai cambiamenti climatici, allo sfruttamento eccessivo degli animali attraverso la pesca illegale e alla caccia e alla pesca insostenibili. Senza un intervento, questo declino comporterà inevitabilmente la continua erosione della nostra biodiversità e dei suoi servizi essenziali, mettendo a rischio la prosperità e la salute umana.

La relazione sottolinea chiaramente che se desideriamo offrirci una reale possibilità di riportare la biodiversità europea sulla via della ripresa entro il 2030 (come previsto nella nuova strategia dell'UE in materia di biodiversità) è imperativo agire. In questo contesto sarà fondamentale dare piena attuazione agli obiettivi e ai traguardi proposti nella strategia citata e nella strategia "Dal produttore al consumatore".

La valutazione, basata su una relazione tecnica più dettagliata dell'Agenzia europea dell'ambiente, mostra che, sebbene vi siano specie e habitat protetti che riescono a resistere pur essendo soggetti a forti pressioni, a livello di UE la maggior parte di essi si trova in uno stato considerato scadente o cattivo e alcuni mostrano una continua tendenza al deterioramento.

Tra le specie, prosegue il declino degli uccelli strettamente associati all'agricoltura, mentre i pesci d'acqua dolce presentano la percentuale più elevata di cattivo stato di conservazione (38 %), principalmente a causa dei cambiamenti nei corpi idrici e nei corsi d'acqua e degli impianti idroelettrici. Per quanto concerne gli habitat, solo il 15 % si trova in buone condizioni. Il ripristino delle torbiere e di altre zone umide può apportare benefici per la natura, oltre a contribuire in modo significativo a far fronte ai cambiamenti climatici, creando opportunità di lavoro nelle zone rurali e periferiche.

La relazione mostra inoltre che grazie a interventi mirati di conservazione si ottengono risultati: le popolazioni di lince pardina, renna selvatica e lontra, ciascuna delle quali è stata oggetto di importanti progetti di conservazione, sono ora in ripresa. Le iniziative nell'ambito del programma LIFE dell'UE, i regimi agroambientali specifici nel quadro della politica agricola comune e la rete Natura 2000 con i suoi 27 000 siti continuano a produrre un impatto positivo, ma occorre ampliarne notevolmente la portata.  (...)

 

Consiglio "Agricoltura e pesca", 19 e 20 ottobre 2020

View of Council meeting room © EU
20/10/2020 - Food, farming and fisheries

The Council reached three important political agreements for Europe's agriculture and fisheries sectors during the two-day Council in Luxembourg. Ministers agreed a general approach on the common agriculture policy (CAP) reform package, adopted conclusions on the farm to fork strategy and decided the fishing opportunities in the Baltic Sea for 2021.

Segnalazione da EUROPEANA

Segnalazione da Europeana: ultima edizione della newsletter

Tra l'altro: la Ue, oltre che famosa per la "numerosità" delle PMI lo è anche per la presenza di un numero considerevole di "Small Towns" che spesso hanno un patrimonio culturale di rilievo.

 

Segnalazione da Europa Creativa MEDIA: Ultima Newsletter

Segnalazione da Europa Creativa MEDIA: ultima edizione della newsletter

Collegamento

Europa Creativa: call UE per la mobilita' di artisti e professionisti - FASI.biz

 
La Commissione europea annuncia due progetti dal valore complessivo di 1,5 milioni di euro per dare continuità allo strumento del programma Europa Creativa dedicato alla mobilità degli artisti e dei professionisti in ambito culturale. Le call partiranno nel 2021. (...)
 
 
 

EUVideoUE

WebRadioScout Player

Il Meteo.it è qui: https://www.ilmeteo.it/