venerdì 20 maggio 2016

Segnalazione da "LaVoce.info"

(...) La flessibilità che l’Ue ha concesso all’Italia sui conti pubblici non è un diamante: non è per sempre.  È uno sconto tutto politico del “burocrate” Juncker per correggere il rigore dando una mano alla ripresa europea. Con un avvertimento: rimanere per il 2016 nell’1,8 per cento di deficit. Non sforare come d’abitudine. 
A un mese dal referendum, i sondaggi danno in vantaggio il voto contrario alla Brexit: 44 per cento contro 40. Ma la forbice tra le due scelte si è ridotta rispetto a dodici mesi fa, come si vede nella nostra infografica. L’ago della bilancia è nelle mani dei tanti ancora oggi indecisi. (...)

Nessun commento:

EUVideoUE

WebRadioScout Player