domenica 26 luglio 2015

Per Memoria: CITIES FORUM 2015: verso un’Agenda urbana europea


Martedì 2 giugno 2015 a Bruxelles si è tenuto il CITIES FORUM 2015, il Forum europeo delle città. In occasione di questo importante evento, la Commissione europea ha presentato i risultati della consultazione pubblica sull’Agenda urbana europea e le iniziative future sul tema dello sviluppo urbano.
La Commissione europea aveva infatti chiesto, nel luglio 2014, il contributo dei cittadini dell'Unione per proporre all’esecutivo europeo obiettivi e progetti per assicurare una riprogettazione e attualizzazione delle città che possa contribuire al raggiungimento delle priorità della strategia Europa 2020
I soggetti privati e i responsabili degli enti locali europei hanno avuto tempo fino a settembre 2014 per sottoporre le loro osservazioni. 
I suggerimenti sono stati utili per comprendere come meglio definire un’Agenda urbana europea che possa migliorare l’integrazione delle città nelle politiche europee e capire quali indicazioni dare ai singoli Paesi membri al fine di rendere le città più adatte alle esigenze di vita dei cittadini.
Il documento di lavoro che sintetizza i risultati della consultazione riassume il punto di vista delle parti interessate in tutta Europa sulla necessità di un'Agenda urbana europea, quello che dovrebbe contenere, come dovrebbe funzionare e quali debbano essere i ruoli dei diversi attori, dal livello locale a quello europeo. 
Il documento spiega anche come la Commissione possa rispondere alle aspettative degli stakeholder attraverso un migliore uso dei suoi strumenti e delle risorse esistenti, nel pieno rispetto della sussidiarietà e senza portare una nuova legislazione o più oneri amministrativi.
Come ribadito dalla Commissaria per la Politica regionale, Corina Crețu, più dei due terzi di tutte le politiche europee, interessano in modo più o meno diretto le città. 
L’Agenda conterrà finalmente progetti e tempi chiari per rafforzare la dimensione urbana delle politiche europee.
Il 9 giugno, la Presidenza lettone del Consiglio dell’UE presenterà una dichiarazione sull'Agenda urbana europea al Consiglio informale sulla Politica di coesione a Riga. Mentre al Parlamento europeo il progetto di relazione sulla dimensione urbana delle politiche europee redatto da Kerstin Westphal (S&D, Germania) sarà votato durante la sessione plenaria di settembre. 

L'obiettivo della Commissione è quello di raggiungere un accordo per un’Agenda consolidata durante la Presidenza Olandese, nell’aprile 2016.
La consultazione ha individuato tre obiettivi o “azioni Innovative” su cui si concentrerà l’Agenda urbana: 1. Smart – città intelligenti nel campo dell’energia e dei trasporti; 2. Green – infrastrutture urbane verdi e sostenibili; 3. Inclusive – città aperte e inclusive per migliorare la qualità della vita cittadina.
Infine si sottolinea che, in base all’Art. 8 (“Azioni innovative nell’area dello sviluppo urbano sostenibile”) del Regolamento sul Fondo Europeo per lo sviluppo regionale (FESR) 1301/2013, dal novembre 2015 verranno pubblicati i primi bandi relativi alle azioni innovative sopracitate. 
Si prevede lo stanziamento di circa 370 milioni di euro fino al 2020 e ogni bando annuale avrà una portata di circa 50 milioni per un totale di 5 milioni a progetto.

Nessun commento:

EUVideoUE

WebRadioScout Player