lunedì 12 gennaio 2015

Per memoria: PMI, un piano per soddisfare le esigenze di finanziamento a lungo termine

La Commissione europea ha adottato un pacchetto di misure volte a stimolare nuovi modi per disporre di finanziamenti a lungo termine e sostenere il ritorno dell'Europa ad una crescita economica sostenibile. Saranno necessari considerevoli investimenti a lungo termine, nel quadro della strategia Europa 2020 e del pacchetto su clima ed energia all'orizzonte 2030; in infrastrutture, nuove tecnologie e innovazione, così come in R&S e in capitale umano. Da qui al 2020 il fabbisogno stimato di investimenti è pari a mille miliardi di euro solo per le reti di trasporto, energia e telecomunicazioni significative a livello di UE, secondo quanto constatato nel quadro del cosiddetto meccanismo per collegare l'Europa.  Il Libro verde della Commissione sul finanziamento a lungo termine dell'economia europea del marzo 2013 (IP/13/274) ha avviato un ampio dibattito suscitando interventi da tutti i segmenti dell'economia. Il pacchetto di misure adottato  comprende una comunicazione sul finanziamento a lungo termine dell'economia, una proposta legislativa per l'adozione di nuove regole per gli enti pensionistici aziendali o professionali e una comunicazione sul crowdfunding  (finanziamento collettivo). La comunicazione si basa sulle risposte ricevute nel corso della consultazione e sulle discussioni avvenute in vari consessi internazionali, come il G20 e l'OCSE, ed identifica una serie di misure specifiche che l'UE può adottare per promuovere il finanziamento a lungo termine.  
La comunicazione sul finanziamento a lungo termine presenta una serie di azioni specifiche che verranno intraprese dalla Commissione per migliorare il finanziamento a lungo termine dell'economia europea (MEMO/14/238). Due di queste azioni sono state presentate:
  • una proposta di revisione delle norme sui fondi pensionistici aziendali e professionali (revisione della direttiva 2003/41/CE relativa alle attività e alla vigilanza degli enti pensionistici aziendali o professionali (direttiva IORP) a sostegno dell'ulteriore sviluppo di un importante tipo di investitore a lungo termine nell'Unione europea EU (MEMO/14/239)
  • una comunicazione sul crowdfunding per offrire possibilità di finanziamento alternative per le PMI (MEMO/14/240).
Le azioni possono essere suddivise in sei principali settori di intervento:
1. Mobilitare fonti private di finanziamento a lungo termine: tra le azioni previste vi sono la  una maggiore mobilitazione di risparmi pensionistici personali e la valutazione dei modi per incoraggiare flussi transfrontalieri di risparmio e i meriti di eventuali conti di risparmio UE.
2. Migliore uso dei finanziamenti pubblici: favorire le attività delle banche nazionali di promozione (istituzioni finanziarie create dai governi, che forniscono finanziamenti a scopo di sviluppo economico) e promuovere una migliore collaborazione tra sistemi di credito all'esportazione nazionali esistenti. 
3. Sviluppare i mercati dei capitali europei: facilitare l'accesso delle PMI ai mercati del capitale e a fondi comuni di investimento più ampi, creando un mercato secondario liquido e trasparente per le obbligazioni societarie. 
4. Migliorare l'accesso delle PMI ai finanziamenti: La sensibilizzazione e l'informazione sui progetti sono tra gli elementi chiave delle azioni prospettate nella comunicazione sul crowdfunding; la Commissione propone di:
  • promuovere le migliori pratiche del settore
  • seguire da vicino lo sviluppo dei mercati di crowdfunding e dei quadri giuridici nazionali
5. Attirare finanziamenti privati per le infrastrutture per realizzare gli obiettivi di Europa 2020
6. Migliorare il quadro complessivo del finanziamento sostenibile: migliorare il sistema di corporate governance  per il finanziamento a lungo termine.

Nessun commento:

EUVideoUE

WebRadioScout Player